3 Cose essenziali che devi assolutamente sapere per fare Gratis la Manutenzione alle tue Finestre in Legno (e non solo), senza avere operai in Casa + 1 Check-List per tenerle sempre in ordine

Occuparsi della manutenzione di finestre in legno non fa piacere a nessuno.

Molti credono che scegliendo di installare serramenti in pvc o in alluminio, risolvono per sempre il doloroso punto della manutenzione, perché secondo loro, questi due materiali alternativi al legno nella costruzione dei serramenti, non hanno bisogno di manutenzione nel tempo.

  • Anche tu la pensi allo stesso modo?
  • Non hai abbastanza tempo da dedicare a questo compito?
  • Hai paura che fare manutenzione, secondo te, abbia un suo costo, e anche sostenuto?
  • Sei spaventato solo al pensiero di avere operai in casa che ti mettano casino, la moglie ti fa ostruzione…e ti mette in punizione… (siamo uomini…ci siamo capiti…)

Però, vorresti finestre di legno, sono belle, non c’è altro materiale che riesce a trametterti quella sensazione di calore, che basta già solo quella per riscaldarti.

Eppure sei combattuto, parli con gli amici che hanno già comprato finestre, ascolti più di un artigiano o rivenditore che le vende, ma quella vocina della manutenzione nella testa, è sempre lì.

Allora ti metti al pc, vai su internet perché sei sicuro che troverai tutto ciò che vuoi sapere sull’argomento, e alla fine?

Sei sicuro di aver conosciuto la verità? Credo che a questo punto ti senti più confuso di prima.

Tranquillo, hai fatto del tuo meglio, hai tutta la mia comprensione.

Stai sicuro che faccio esattamente come te, quando devo comprare qualcosa che non siano finestre.

Il problema è che non hai incontrato addetti alla vendita qualificati e formati a dovere sull’argomento “manutenzione finestre in legno “e che quindi per uscire dall’impiccio delle tue domande, che non riesce a soddisfare, fa prima a dirottarti su materiali alternativi quali pvc e alluminio, facendoti credere la favoletta di Cappuccetto Rosso, che questi non hanno bisogno di manutenzione.

Cosa fare in questi casi

Vengo subito al sodo e spero che alla fine di questo articolo tu abbia le idee estremamente chiare in merito alla manutenzione dei serramenti.

Premesso che questo non vuole essere un articolo contro i materiali alternativi al legno, ma bensì un articolo che spiega in parole semplici:

  1. Cos’è la manutenzione della verniciatura, ordinaria e straordinaria;
  2. Cosa bisogna fare, nel dettaglio, per eseguirla, e bene;
  3. Fornirti una Check-list per l’ispezione semestrale delle tue finestre.

 

Perché si danneggia la verniciatura di infissi in legno

La durata nel tempo è l’aspetto principale da considerare quando s’intende verniciare un manufatto in legno all’esterno.

I prodotti a base acqua vengono preferiti per tale scopo poiché sono in grado, rispetto a prodotti a solvente principalmente usati in passato, di proteggere efficacemente la struttura del legno diminuendo le emissioni in atmosfera di agenti inquinanti.

Le finestre subiscono quotidianamente un’esposizione continua e prolungata ad agenti esterni, potenzialmente dannosi.

Il più aggressivo di questi è senza ombra di dubbio la luce del sole.

Ci sono tre tipi di raggi solari:

  1. Ultravioletti, sono quelli invisibili, quelli che ci abbronzano;
  2. Infrarossi, sono quelli che portano il calore;
  3. Radiazioni visibili; sono quelli che ci permettono di distinguere le forme e i colori.

Col passar del tempo la verniciatura tende ad inaridire e quindi a consumarsi, perdere spessore, per effetto dei raggi ultravioletti.

All’inizio, quando è ben fatta, fa da barriera ai raggi del sole.

Poi man mano che invecchia, i raggi riescono ad attaccare il legno sotto.

Il film di vernice continua a perdere la propria elasticità, si indurisce e si spacca.

Questa lenta ma inesorabile azione prolungata nel tempo, provoca delle microfessurazioni sulla superfice del legno, non visibili ad occhio nudo.

L’acqua che cade per pioggia, riesce ad infilarsi in queste micro fessure.

Assorbendo acqua, Il legno comincia a gonfiarsi, quindi a perdere la propria stabilità dimensionale.

Le conseguenze di questo semplicissimo avvenire sono:

  1. il legno si gonfia, gli infissi potrebbero non più chiudere bene come all’inizio;
  2. la superfice del legno subisce l’effetto “scottatura”, come quando noi ci abbronziamo, causando il distacco del film di vernice;
  3. le parti esposte vengono attaccato dalle muffe, queste trovano terreno fertile perché aumenta l’acqua nel legno, comincia a ingrigire.

Tutto questo avviene è maggiormente visibile nella parte inferiore del serramento a salire, perché la più esposta ai raggi del sole e alla pioggia battente.

Ora ti è anche chiaro perché, rovinandosi la verniciatura il serramento comincia a non funzionare bene come prima.

Una verniciatura ben fatta ha quindi anche una sua utilità in relazione al suo funzionamento, aprire e chiudere.

Anche lo smog può danneggiare le superfici dei tuoi infissi, sia a causa dei fenomeni chimici che può innescare, sia della deposizione di particolato fine.

Cosa devi fare per evitare tutto questo?

Semplice!!

 

Pulizia e manutenzione ordinaria

Ti riporto cosa dice l’enciclopedia Treccani sul significato di manutenzione: conservare in buona efficienza.

Clicca qui per leggere.

Nel nostro caso, cioè quello della verniciatura di serramenti in legno, conservare in buona efficienza significa: fare in modo che il film di vernice conservi intatte le sue caratteristiche fisiche iniziali, soprattutto la sua elasticità, oltre a mantenere invariata l’estetica del serramento.

La prima cosa da fare è di non usare per la pulizia degli infissi prodotti aggressivi quali: acetone, alcool, detergenti vari, prodotti per il legno vari, diluenti…

Fai attenzione a usare solo acqua, l’unico detergente compatibile con le vernici all’acqua che non provoca danni alla verniciatura è quello a PH neutro, lo stesso che si usa per i bambini.

In occasione della pulizia dei serramenti, e comunque almeno due volte all’anno, devi pulire i serramenti con i due prodotti all’interno del kit manutenzione che ti è stato consegnato insieme alle finestre.

Un servo a pulire più a fondo le superfici verniciate.

Asciugato il primo, passerai sopra l’altro prodotto, un ravvivante per la vernice, tramite l’ausilio di un panno in microfibra, infine asciugare con altro microfibra asciutto.

Tutto qua!

Questo sarà la “manutenzione dei tuoi bellissimi serramenti in legno”:

  • Facile, a mo’ di pulizia di tutti i giorni;
  • Veloce, come una normalissima pulizia;
  • Fai da te, niente operai in casa e niente da smontare.
  • Poco dispendioso, basta un po’ di tempo e un kit manutenzione.

Se sarai puntuale e i tuoi infissi hanno un minimo di protezione, la verniciatura potrà resistere a lungo, senza interventi più profondi, anche per dieci anni.

Se sei tra i fortunati a poter gioire per la vicinanza del mare, devi eseguire questa operazione 4 volte all’anno, a causa dell’attacco della salsedine.

Attenzione

La verniciatura non è la sola a necessitare delle tue coccole, anche guarnizioni, ferramenta e fori di scarico dell’acqua piovana, sono oggetto di manutenzione.

  • Controlla che tengono la ferramenta siano serrate;
  • Lubrifica tutte le parti in movimento della ferramenta, puoi usare del teflon spray;
  • Verifica che le guarnizioni conservino la loro elasticità, da loro dipende la tenuta all’aria della finestra (la vita di una guarnizione è di 7/10 anni);
  • Controlla che i fori di scarico dell’acqua piovana siano liberi, sono posizionati sul traverso telaio a terra. Eventualmente puoi usare un cotton fioc per liberarli dallo sporco.

 

Come fare la manutenzione straordinaria

E’ impossibile dire quanto tempo resiste esattamente la verniciatura degli infissi in legno.

Questo dipende da:

  • Grado di esposizione, nord, est…;
  • Che protezione hanno sopra di essi ,50 cm., 1 mt…;
  • Il ciclo di verniciatura iniziale e i prodotti usati;
  • La tua cura, soprattutto nel caso di graffi e urti, come fai con l’auto.

A seconda di queste variabili, ogni 5/10 anni potrebbe essere necessario un trattamento di manutenzione più profondo, ma sempre sulla falsa riga del trattamento di manutenzione ordinaria prima descritto.

Come procedere?

  • Effettuare il trattamento di pulizia;
  • Carteggiare in modo molto delicato usando una spugnetta abrasiva con grana molto fine, 320 o superiore, seguendo la venatura del legno;
  • Rimuovere la polvere con un pennello pulito;
  • Applicare a pennello la vernice all’acqua su tutta la superfice della finestra, stando attenti a formare un piccolo film di vernice uniforme;
  • lasciare asciugare per qualche ora.

 

Ripristinare le parti danneggiate

Devi stare molto attento ad eventuali interruzioni del film di vernice.

Queste possono essere causate da graffi, urti o dalla grandine.

Per individuarle ti basterà fare un controllo visivo alle superfici dei tuoi infissi.

Cogli l’occasione della pulizia per segnalare eventuali interruzioni, sarà molto semplice e non ti prenderà ulteriore tempo.

Dove noti urti o graffi il film di vernice è interrotto, è necessario un pronto ripristino per evitare la penetrazione dell’acqua nel legno.

Anche in questo caso è facilissimo intervenire.

Ti serve dell’impregnante e della vernice.

Devi fare così:

  • riquadrare con carta gommata la zona dell’intervento per proteggere le parti non interessate;
  • carteggiare, seguendo sempre la venatura del legno, e rimuovere il vecchio film di vernice utilizzando carta abrasiva con grana 150;
  • rimuovere la polvere con un pennello pulito;
  • applicare a pennello l’impregnante;
  • lasciare asciugare 12 ore;
  • Applicare a pennello la vernice all’acqua su tutta la superfice della finestra, stando attenti a formare un piccolo film di vernice uniforme;
  • lasciare asciugare per qualche ora.

 

Check-list per la verifica semestrale

  •  Controllare che tutte le guarnizioni siano in buone condizioni
  •  Lubrificare le parti in movimento della ferramenta
  •  Fare un controllo visivo della verniciatura, interna ed esterna
  •  Lavare la superfice esterna con acqua tiepida e detergente neutro, applicare il ritonificante all’acqua
  •  Rimuovere la sabbia, lo sporco e la polvere dalle superfici del serramento, dalla ferramenta e dai profili per lo scarico dell’acqua

 

Conclusioni 

Finalmente sfatato il tabù della manutenzione su infissi in legno.

  •  La manutenzione dei serramenti in legno è una semplicissima pulizia.
  •  Facile e veloce da fare.
  •  Se terrai cura delle tue finestre nei modi e con i tempi che ti ho indicato, la loro verniciatura durerà molto tempo, e resteranno belle come quando le hai comprate.
  •  Ci sono anche altre componenti del serramento che hanno bisogno di manutenzione, quali guarnizioni e ferramenta.
  •  Il controllo di questi componenti e la pulizia delle superfici, sono operazioni indispensabili e necessarie per tutti i tipi di serramenti, legno – pvc – alluminio – misti.
  •  La verniciatura delle finestre in legno può resistere alle intemperie per molto tempo, se eseguita con vernici all’acqua e tecniche attuali.

Spero che questo possa esserti utile.

Anche per oggi l’articolo è finito.

****************************

Cerchi la persona a cui affidarti e che ti guidi nella scelta della finestra giusta per te?

Contattami qui e verificherò insieme a te se e come posso aiutarti.

È probabile che tu ti sia rivolto già ad altri serramentisti che aspettano di sentire da te quale finestra vuoi, come la vuoi posare…

Ma non dovrebbero essere loro a proporti la soluzione giusta per te?

Se vuoi una consulenza in merito, prima di decidere cosa fare o a chi affidare i lavori, clicca su questo link, lascia i tuoi dati e un breve messaggio e sarai richiamato da me personalmente entro 24 h.

****************************

Prima di lasciarci però ti chiedo una piccola CORTESIA: ripagami lo sforzo che impiego nella stesura di questi contenuti semplicemente facendo click su uno dei tasti di condivisione dei “Social”.

A te non costa nulla, per me è invece fonte di grande soddisfazione.

Lascia un tuo commento se ti fa piacere, sarò felice di risponderti al più presto!

Ciao, ci vediamo al prossimo articolo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *