Infissi in Legno-Alluminio? Scopri 5 Errori da Evitare per Risparmiare Subito dal 30 al 45%.

 

Infissi in Legno-Alluminio? Scopri 5 Errori da Evitare per Risparmiare Subito dal 30 al 45%.

Andrea e Roberto sono due persone che non si conoscono.

Abitano in comuni diversi, non si sono mai visti.

L’unica cosa che li accomuna è il fatto che entrambi devono acquistare infissi per la loro abitazione.

In verità, ad essere più preciso, Andrea deve completare la casa in cui risiederà, Roberto invece sta ristrutturando un appartamento per il figlio.

Entrambi hanno quindi, in comune, l’esigenza di installare nuovi serramenti.

Entrambi mi contattano.

Già al telefono mi parlano della loro intenzione di installare serramenti in legno-alluminio.

Come sempre, quando sento da parte del cliente questa intenzione, gli faccio subito la domanda : legno-alluminio o alluminio-legno?

Si, hai ragione, sono un tifoso del legno, ma la domanda è d’obbligo.

Torniamo a noi, entrambi mi rispondono legno-alluminio.

Bene, concordiamo un appuntamento per un sopralluogo.

Vado all’appuntamento con Andrea (quello della casa da completare), mi spiega meglio da vicino cosa deve realizzare e, come al telefono, mi conferma che il prodotto che vuole considerare è il legno-alluminio.

Gli chiedo quali sono le motivazioni che lo spingono a optare per questo tipo di infisso.

Andrea: voglio fare il legno-alluminio per non avere più manutenzione da fare sugli infissi. Il legno ha sempre bisogno di essere verniciato, invece l’alluminio dura tutta la vita e vorrei farlo dello stesso colore delle persiane in ferro.

A questo punto, è’ mio solito fare un giro della casa, per capirci ancora di più.

La casa di Andrea è una villetta singola, non deve quindi dare conto a nessun altro per quanto riguarda l’aspetto estetico, e, come mi aspettavo, ben fornita di tetto sporgente a protezione dei serramenti.

Inoltre ha già installato delle persiane in alluminio.

Ma allora perché sente la necessità del legno-alluminio?

Uhm…

Vediamo come è andata con Roberto.

Roberto: voglio fare il legno-alluminio per non avere più manutenzione da fare sugli infissi. Il legno ha sempre bisogno di essere verniciato, invece l’alluminio dura tutta la vita, anche perché così chiude meglio.

Giro della casa.

In questo caso parliamo di sostituzione dei serramenti, appartamento al 2° piano in condominio, i serramenti devono essere simili a quelli esistenti, ci sono tapparelle come oscuranti, anche qui ampie balconate a protezione degli infissi.

Uhm…

Come vedi, nonostante siano due casi completamente diversi tra di loro, entrambi stanno manifestando la stessa esigenza: non vogliono avere a che fare con la manutenzione del legno.

Diciamo che di base, da inesperti ci può stare come ragionamento.

A questo punto li invito a fare alcune considerazioni

 

1 -Il colore deve essere simile a quelli esistenti – Roberto

Il condominio di Roberto ha infissi in legno.

In base alle regole condominiali puoi cambiare i tuoi serramenti, ma devi sempre usare infissi in legno e di colore similare a quelli esistenti.

Con il rivestimento esterno in alluminio stai realizzando un serramento diverso: ti metti quindi contro il condominio, in più stando dalla parte del torto.

Inoltre, come fai con l’alluminio ad avere un colore simile a quello del legno esistente?

Ti ci puoi avvicinare, ma non puoi andare a personalizzare il colore dell’alluminio, come invece puoi fare con il serramento in legno.

Abitare in un condominio, mettendosi contro le sue regole, ne vale la pena?

 

2-  Il colore deve essere uguale alla persiana in ferro – Andrea

Stai parlando di due materiali diversi, il ferro delle persiane esterne e l’alluminio dei serramenti.

Il colore non potrà essere uguale, perché:

  • I due materiali (ferro e alluminio) vengono verniciati da due aziende diverse;
  • Le polveri usate per la verniciatura non sono le stesse;
  • I due supporti (ferro e alluminio) non sono uguali.

Ne vale la pena?

 

3 – Il serramento chiude come quello in legno-allumino?

La loro convinzione era che il legno-alluminio garantisce un isolamento superiore al legno.

Sbagliato: entrambi garantiscono uguale grado di isolamento, espresso ai massimi livelli dei serramenti.

 

4 –  Entrambi le case hanno “balconate e tetto” molto sporgenti

La casa di Andrea è stata costruita prevedendo ampia sporgenza del tetto tutt’intorno ad essa, circa 2 mt.

L’appartamento di Roberto ha terrazzi su tutti i serramenti (di circa 1,5 mt).

In entrambi i casi, i serramenti sono molto ben protetti dalle intemperie, anche nella peggiore esposizione agli agenti atmosferici.

Inoltre, non sono né in vicinanza di cave di estrazione (le polveri nell’aria, dovute alla lavorazione, sono un problema serio per la verniciatura), né in prossimità del mare (salsedine).

In situazioni come queste, il maggiore costo del legno-alluminio è soltanto un maggiore esborso economico.

Su 10.000,00 € di infissi in legno si avrebbe un aumento di almeno 3.000,00 €.

I serramenti non avranno bisogno di interventi  di  manutenzione prima di 15/20 anni, ne parlo in questo articolo.

Spendere il 30/40% in più oggi per averli come ritorno tra non meno di 20 anni, ne vale la pena?

 

5 – I costi del legno-alluminio sono superiori di un buon 30/40% al legno

Il costo di un infisso in legno-alluminio è maggiore rispetto a quello del legno.

La differenza tra i due modelli è all’incirca del 30/40%, in alcuni casi può anche arrivare al 50%, comunque non scende al di sotto del 30%.

Devi quindi essere disposto ad un investimento maggiore e considerare un periodo di ammortamento molto più lungo.

Anche qui, stesso calcolo economico preso ad esempio alla considerazione precedente.

Magari se hai un’età anagrafica di 50/60 anni cominci anche a pensare: tutto sommato…va bene così…

Anche qui, ne vale la pena?

P.S.: da mero commerciante dovrei ragionare al contrario, cercare di fare spendere al cliente il più possibile! 

 

Conclusioni

 

Cosa hanno deciso di fare Andrea e Roberto?

Entrambi hanno ascoltato con interesse le considerazioni fatte.

Ci hanno pensato un attimino su, ed entrambi hanno optato per infissi in legno.

Hanno deciso di seguire sino in fondo i miei consigli, risparmiando così anche qualche soldino, cosa che fa sempre piacere.

Non posso biasimarli nel loro modo di pensare.

L’87% delle persone incappa in serramentisti o rivenditori che non hanno le giuste e dovute conoscenze del legno.

Se chiedi a chi assembla pvc o alluminio quale materiale ti consiglia, secondo te cosa ti risponderà?

Dalle mie parti si dice “acquaiolo dimmi l’acqua com’è”.

Oh, capiamoci un attimino, non vorrei essere frainteso.

Questo articolo non vuole in nessun modo rappresentare un “condannare” il serramento in legno-alluminio.

Anzi, tutt’altro, tieni sempre presente che ogni casa e ognuno di noi abbiamo esigenze e problematiche sempre diverse l’una dall’altra, che vanno affrontate e risolte con soluzioni e prodotti personalizzabili e personalizzati.

Ci sono casi in cui è meglio usare il legno-alluminio, altri sarà meglio il pvc…

Da me avrai sempre la soluzione per te, mai un prodotto.

Diffida da chi:

  • generalizza;
  • ti dà la soluzione senza muoversi alla sua scrivania;
  • ritiene opportuno non fare sopraluoghi in cantiere;
  • non si rende conto del contesto geografico dell’abitazione;
  • non ti chiede le problematiche che hai;
  • si fida ciecamente delle misure che gli porti (non me né volere, ma non sei un esperto);
  • propone sempre lo stesso infisso;
  • non ti propone una soluzione personalizzata;

Questo genere di serramentisti ti proporrà solo finestre che chiuse non fanno (forse) entrare acqua e vento.

Il mio obiettivo è invece di studiare e darti la soluzione per assolvere ad una funzione ben più importante e completa: il comfort della tua famiglia nella tua casa.

 

Prima di lasciarci

 Anche per oggi l’articolo è finito.

Prima di lasciarci però ti chiedo una piccola CORTESIA: ripagami lo sforzo che impiego nella stesura di questi contenuti semplicemente facendo click su uno dei tasti di condivisione dei “Social”.

A te non costa nulla, per me è invece fonte di grande soddisfazione.

Se vuoi diventare mio cliente chiamami al 393 /970 43 30 oppure allo 081/825 62 98.

Lascia un tuo commento se ti fa piacere, sarò felice di risponderti al più presto!

Ciao e ci vediamo al prossimo articolo!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *